top of page

L'Oleandro

Aggiornamento: 5 giorni fa

Descrizione Oleandro


L'oleandro è un arbusto sempreverde, oramai diffuso in tutto il bacino mediterraneo ma originario dell'Asia. La grande diffusione è dovuta alla capacità di adattamento e dal fatto di non avere particolari esigenze specifiche di coltivazione. Sopravvive a condizioni estreme di caldo torrido e siccità senza nessun problema, al contrario teme il freddo e infatti nelle regioni a clima particolarmente rigido si consiglia di ritirarlo in ambiente riparato e di coprirlo con tessuto apposito durante il periodo invernale, pena il danneggiamento delle punte dei rami. Ha portamento arbustivo con fusto caratterizzato da un basso numero di rami, arcuati verso l'interno. E' una pianta costituita da foglie lanceolate, di un bel verde intenso, si tratta però di un arbusto velenoso sia nel tronco che nelle foglie. Si consiglia quindi un certo grado di attenzione nelle potature e nel contatto fogliare. I fiori sono grandi, di colore bianco o roseo e a seconda dalla zona climatica le fioriture avvengono da giugno a settembre. Il frutto è un piccolo follicolo a forma di fuso dal quale escono i semi nel momento della maturazione. La possibilità di coltivazione ad albero crea ambienti particolarmente suggestivi: lo si può disporre in filari paralleli configurando meravigliosi viali sempreverdi ed esteticamente eleganti.


Bellissimi fiori bianchi e rossi di oleandro
Pianta di oleandro bianco-rosa e rossa

Coltivazione Oleandro


L' oleandro sopporta sì bene la siccità ma sono comunque necessarie annaffiature ogni volta che il terreno si presenta asciutto, questo per garantire una abbondante fioritura primaverile. Va applicata anche una buona concimazione per fornire alla pianta tutte le sostanze nutritive e i sali minerali necessari per produrre la nuova fioritura. A fine inverno si consiglia la rimozione dei rami secchi o danneggiati dal gelo e delle parti apicali che presentano fiori appassiti o rami più deboli. Non è necessaria una vera e propria potatura durante la ripresa vegetativa, nè una di controllo delle forme o di modellamento. Si raccomanda invece molta attenzione durante gli interventi e si consiglia l'uso di guanti che proteggano la pelle da qualsiasi contatto con la resina velenosa della pianta.


bellissimo ramo fiorito di oleandro rosa
Bellissimo ramo fiorito di oleandro rosa chiaro



bellissimo oleandro fiorito rosa intenso
Meraviglioso oleandro rosa intenso

Terreno

Predilige terreni con pH neutro o subacido ( pH 6-7 ), si adatta facilmente a terreni aridi e siccitosi ma anche umidi purchè non presentino ristagni idrici.


Concimazione

Si consigliano concimi granulari, da somministrare in primavera e in prossimità della fioritura fino al finire del periodo estivo, con anche l'integrazione di concime liquido a base di sangue di bue. Il tutto finalizzato a favorire un'abbondante fioritura e dare all'arbusto un aspetto rigoglioso e folto.


Potature

Le potature di formazione si eseguono solo su piante giovani per infoltire la chioma, sulle piante adulte invece vanno eseguite dopo l'inverno ma solo per eliminare i rami danneggiati dal freddo, stimolare la ripresa vegetativa e la fioritura che avviene proprio all'apice dei germogli dell'anno.


Malattie

Le patologie principali che colpiscono l'apparato fogliare dell'oleandro sono tre: la maculatura, la fumaggine e la rogna. Tutti e tre di origine fungina, si manifestano durante la stagione calda perchè più favorevole alla proliferazione dei batteri patogeni. Si interviene con prodotti antifungini ma per la rogna attualmente non ci sono rimedi efficaci. L'unico trattamento possibile è quello a base di prodotti rameici che hanno azione batteriostatica di contenimento ma non curativa.

Oltre alle malattie fungine si possono verificare anche attacchi parassitari di cocciniglia, ragnetto rosso e afidi da combattere con l'uso di insetticidi mirati ma anche cercando di evitare di creare un ambiente favorevole alla loro proliferazione.

Riproduzione


Seme

La semina può essere utilizzata per la creazione di nuove piante di oleandro, ma solitamente questa tecnica viene poco utilizzata a causa della bassa percentuale di riuscita. I semi vengono posti in semenzaio, in un terriccio universale mescolato a sabbia, ad una profondità di 1 cm, successivamente si esercita una leggera pressione per far aderire bene il seme alla terra. Si nebulizza il terreno per più giorni fino a germinazione ma senza creare ristagni idrici.


Talea

La talea è la miglior tecnica di riproduzione applicabile e può essere effettuata sia nel terreno che in acqua. Si esegue l'asportazione di un ramo dell'anno precedente con l'accortezza di conservare memoria della polarità di crescita, distinguendo apice ed estremità inferiore. Si tagliano da una pianta adulta e sana 2 o 3 segmenti apicali di ramo non fiorifero con una lunghezza massima di 15/20 cm e si eliminano le foglie nella parte inferiore. Il periodo più consigliato è tra maggio e luglio. I rami vanno posti in un recipiente con acqua o terra e successivamente va ricoperto con carta alluminio. Si conserva in ambiente di 20 gradi fino a radicazione.



Bellissimo oleandro fiore rosso intenso
Splendido oleandro con fiore rosso intenso


dettaglio bellissimo fiore rosa di oleandro
fiore rosa di oleandro


bellissimo oleandro fiorito bianco rosato
Splendido oleandro bianco rosato



bellissima pianta di oleandro rosa e foglie verdi brillanti
oleandro rosa







477 visualizzazioni12 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page