top of page

Aloe

Aggiornamento: 22 lug

Descrizione


L'Aloe vera è una pianta grassa della famiglia delle Aloaceae, originaria delle regioni calde dell'Africa e il genere botanico Aloe comprende oltre 350. La coltivazione dell'aloe è molto antica come testimoniato nel testo di alcune tavolette d'argilla ritrovate sul finire dell'Ottocento da un gruppo di archeologi nella città mesopotamica di Nippur, nei pressi di Bagdad, Iraq, e databili attorno al 2000 a.C. Nel testo si legge: «le foglie assomigliavano a foderi di coltelli». L'aloe era nota e utilizzata anche presso gli egizi (es. citata nel "papiro Ebers" del 1550 a.C.) per i preparati per l'imbalsamazione (da qui "pianta dell'immortalità") o per la cura e l'igiene del corpo o come cicatrizzante], nonché citata svariate volte nella Bibbia. Lo studio sistematico di questa pianta ebbe inizio solo nel 1959 grazie al farmacista texano Bill Coats, che mise a punto un processo per stabilizzare la polpa aprendo la strada alla commercializzazione dell'aloe senza più problemi di ossidazione e fermentazione. Le varietà più diffuse Sono Aloe Vera o Barbadensis e Aloe  Arborescens.


Aloe Vera

L'Aloe Vera cresce e si sviluppa a forma di cespo, possiede foglie carnose e succulente di colore verde. La pianta raggiunge la sua maturità dopo i quattro anni e può avere foglie con lunghezza compresa tra 60 e 90 cm con una larghezza di 8 cm. 


Aloe Arborescens

L'Aloe Arborescens invece si sviluppa su un tronco legnoso centrale con crescita fogliare alternata. La pianta si presenta sotto forma di cespuglio.


Aloe proprietà:

Lassative e depurative , idratante, emolliente e cicatrizzante per la pelle; astroprotettore; antinfiammatorio, cicatrizzante e lenitivo per le mucose antinfiammatorio, si usa di solito rompendo una foglia per lenire le punture di zanzare. Alcuni minerali e vitamine presenti sono la vitamina C ed E, beta carotene, magnesio, manganese, zinco, rame, cromo, calcio, sodio e potassio. È anche una delle poche piante al mondo fonte di Vitamina B12, molto utile ai vegetariani. La Aloe Arborescens ha concentrazioni maggiori degli elementi essenziali

Coltivazione


La Coltivazione delle piante di Aloe e' abbastanza semplice per l'aloe vera meglio riporle in un luogo non assolato tutto giorno mentre Arborescens resiste meglio in zone assolate. In quanto succulente tollerano bene la siccità, mentre non sopportano i ristagni idrici. Si innaffia nei periodi caldi una volta a settimana e poi la quantità di acqua deve diminuire in autunno per poi sospendere l’annaffiatura in inverno. 




Terreno


Prediligono un terreno ben drenato. Sarebbe opportuno preparare un terriccio misto con tre parti di sabbia di fiume e uno di terriccio universale. Se coltivate in vaso preparare bene il drenaggio del fondo con ciottoli di vasi di cotto rotti o sassolini.



Concimazione


I migliori fertilizzanti per Aloe Vera sono quelli liquidi con queste proporzioni 10-40-10 o comunque una miscela per piante grasse. Non usare fertilizzanti granulari che brucerebbero le foglie delicate.



Potature


L'aloe vera, in realtà, non andrebbe mai potata, al massimo si possono eliminare le foglie secche.


Malattie


Anche le piante grasse sono suscettibili di attacchi di parassiti e malattie. Per quanto riguarda i parassiti i più comuni sono il ragnetto rosso, la cocciniglia, gli afidi.


Riproduzione

Per Seme/Talea

L'Aloe si riproduce per semina o di solito per talea dei polloni basali che generalmente si sviluppano lateralmente alla pianta madre. La riproduzione per semina viene effettuata nel mese di Marzo, ad una temperatura di 20-22 gradi..










350 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page